Pensa fosse vero

Pensa
fosse vero

la luna
e tutto il resto

e poi le rondini
e il vento,lieve

e la musica
si,quella musica

e la notte
si,quella notte

e tu
eterea e nuda

e i baci
dei i nostri fianchi

e quel tempo
senza tempo

pensa

pensa
fosse vero.

 

Testo e fotografia : © Stefano Tommasi

 

Annunci

Love Waits

Ciao,

chi mi segue da un po’ di tempo sa che nei miei lavori c’è sempre una certa componente autobiografica;a volte accennata,altre volte più marcata.

E’ questo il mio modo di esprimermi.Un piacere,più spesso,un bisogno.

Del resto,la realizzazione delle idee nasce sempre dal modo di vedere,immaginare,vivere.

A volte è vita vissuta,altre,immaginata.Poco importa in verità.

Non ho mai amato descrivere troppo le storie che vado raccontando.Vorrei fossero le immagini a parlare per me,con la speranza di farvi ascoltare belle parole.

In breve,qua abbiamo una sala d’aspetto,di quelle di una volta,senza un determinato spazio-tempo a etichettarla e per la stessa ragione,un uomo attende:

Chi?

Quanto?

Perché?

Non so,o forse non voglio dire.

Sarà forse lui,se vorrà,a rivelarlo.

A noi non resta che…attendere.

 

© Stefano Tommasi

 

Waiting Room – Febbraio – © Stefano Tommasi

001-016

 

 

A cosa stai pensando ?

NEXUS O – A COSA STAI PENSANDO ?
A cosa stai pensando ?Ci domanda,perennemente,facebook,nello spazio che ci è concesso sulla nostra homepage.Perché ce lo chiede?Perché abbiamo la necessità di rispondergli continuamente?Sto pensando questo: bla bla bla…condividi,condiviso.Like like like…A cosa stai pensando?Ancora?Si,ancora.Possiamo ribellarci a questa schiavitù?Certo,basta non usarlo,nessuno ci obbliga.O forse si?Forse la nostra mente ci costringe a rispondere a questa perenne domanda:a cosa stai pensando?Cristo!Sto pensando a…bla bla bla…condividi,condiviso,Like…solo uno?Lo riscrivo…si meglio,condividi,condiviso,Like like like like…
Like come droga,condivisione come morfina.Perché?
I fatti nostri non sono nostri,vorremmo lo fossero ma non si può.La domanda è nel cervello (indotta?) ” a cosa stai pensando?” .Sentirne il disagio è forse una consapevolezza?Troppe domande,basta!Ecco,lo scrivo qua,con questa foto,simbolo della mia ribellione.Me non mi freghi!A cosa stai pensando? Fatti miei!Ecco…fatti miei,perdio.Condividi,condiviso.Like like like…
001-3
 © Stefano Tommasi

Dialoghi amanti ( introduzione )

Dialoghi amanti,nasce dall’idea di cogliere le voci degli amanti nel loro stare assieme,nella poesia che si può trarre da certe situazioni,a volte immaginate a volte reali,a volte ne l’una nell’altra.

Conversazioni,dubbi,condivisioni,su temi spesso sconosciuti ai disamorati.Domande alle quali non ci sono risposte,risposte a domande non pronunciate. L’illogicità  perfetta che solo chi ama sa ascoltare.

Lo spunto credo mi sia venuto da un film “Le vite degli altri”,che vi consiglio.

O forse è nato dalla mia esperienza di ieri e di oggi, o magari,chissà,da quella di domani.

Via via metterò nuovi dialoghi,quindi questo è un articolo “vivo” ed in evoluzione,come le frasi dei “miei” amanti.

Buona lettura,

Stefano.

******************************

 

*

Ti sei mai chiesta dove vanno a finire le parole?

Intendi materialmente?Chimicamente?
Si,esatto.Dove vanno?
Beh,credo diventino aria.Probabilmente vagano nel vento,si posano sulla terra e rimangono nel mondo.Credo vengano respirate,fuse assieme all’ossigeno e….ma…cosa stai facendo?
Respiro mia cara,
respiro.

© Stefano Tommasi  / 2016

*********************************

**

Sei consapevole dell’amore?

Assolutamente no.

No?
E allora come fai a dire di amarmi,se non ne hai consapevolezza?

La risposta è nella domanda. 

© Stefano Tommasi / 2016

*********************************