Vieni,usciamo

Il tempo
è passato.
Vieni,
usciamo.
© Stefano

miaalberilogo

Fotografia : © Stefano Tommasi

 

Annunci

Cartoline da Fukushima

Mi ero preparato uno scritto per descrivere questo progetto “virtuale”,ma alla fine ho buttato tutto,come tutto hanno buttato,abbandonato,perduto,gli (ex)abitanti di questo angolo di mondo.

A Fukushima non si può andare,troppo pericoloso per via delle radiazioni.Lo ha fatto per noi,una temeraria google car.Le ho chiesto un passaggio virtuale,ho passato ore silenziose tra le macerie,lungo le strade del dipartimento più colpito,fino ad arrivare al mare;eri bella Fukushima,ed ora non sei brutta,non sei.

© Stefano Tommasi

Questo slideshow richiede JavaScript.

A te,di te

Vorrei parlarti
dei miei sogni.
Ma come!?
Come fare
a spiegare?
Come dire a te,
di te?

© Stefano

13177518_10210070716750876_2520592812550315495_n

Fotografia e disegno: – S –  © Stefano Tommasi

A mia madre

Buon compleanno mamma!
Lo so,non ti dimostro mai abbastanza il mio amore,e anche adesso,che siamo così vicini,ti ho dato due baci e detto poche parole.Siamo diversi e spesso non ci capiamo nel parlare.Forse è per questo che me ne sto sempre zitto e nel farlo, scrivo di te,mentre ascolto il tuo ciabattare giù in cucina.
Qualcuno ti farà leggere queste righe e allora sappi che sono sempre quel bimbetto di quarta elementare che ti scriveva le letterine che tu conservi con cura nel cassetto vicino al letto,vicino al cuore.
Stefano.
*********************************
                                            – 1989-
Tu mamma cammini seriamente ogni volta che fai una passeggiata.
Sei strana,perchè anche se cammini seriamente,sorridi a chiunque passi.
Se io penso che tu potresti andare via da me,la prima cosa che direi sarebbe: <<Scusami mamma>>.Sperando così,che tu rimanessi sempre con me e tu facessi una splendida vita.
Mamma!Ti voglio tanto bene!
Tu sei una rosa profumata perchè porti a tutti il tuo profumo.Tu sei una lampada spenta,sei sempre seria con tutti.
Sei alta,mora,brava e affettuosa con me.Con te ho visto la zia Anna morire.Con te ho odorato la cacca del cane.Con te sono andato al circo.
Per la tua festa,mamma,io vorrei farti con il papà e Alessandra,un regalo preparato con il cuore.
La casa senza mamma è molto brutta e triste.
Dove la mamma c’è la terra è felice.
Mamma,per la tua festa desidero regalarti tanto affetto e ti offro tanto amore.Ti canto una stornellata per farti fare una risata.
Ti chiedo perdono perchè sono stato cattivo con te.
Ste.
img011