Cartoline da Fukushima

Mi ero preparato uno scritto per descrivere questo progetto “virtuale”,ma alla fine ho buttato tutto,come tutto hanno buttato,abbandonato,perduto,gli (ex)abitanti di questo angolo di mondo.

A Fukushima non si può andare,troppo pericoloso per via delle radiazioni.Lo ha fatto per noi,una temeraria google car.Le ho chiesto un passaggio virtuale,ho passato ore silenziose tra le macerie,lungo le strade del dipartimento più colpito,fino ad arrivare al mare;eri bella Fukushima,ed ora non sei brutta,non sei.

© Stefano Tommasi

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci