” Chiamami Ammore “

Un progetto di Stefano Tommasi

” Chiamami Ammore ” è un viaggio che nasce un giorno di alcuni mesi fa, durante la lettura di un articolo riguardante la preoccupante crescita del fenomeno delle ” lucciole di giorno “. Una dilagante situazione che riguarda tutta la penisola ( isole comprese ). Per questo reportage, mi sono servito della onnipresente google car ed ho viaggiato su di essa per documentarne le storie, estrapolando gli screenshot che mi interessavano.
Un viaggio che è ancora in corso. Questa ne è un’anteprima.

Stefano.

http://www.stefanotommasi.com

EZGO/NASER/ALì

Il mare, visto da Ventimiglia, è blu intenso. Non ci sono spiagge, ma scogli scuri che invitano alla prudenza. Seguendo la linea della costa con lo sguardo, in un attimo ci troviamo in Francia. Lì, lo scenario cambia: gli scogli lasciano il posto a piccole e affollate spiagge. E’ l’inizio della costa azzurra, l’inizio di un mare più rassicurante, l’inizio di una nuova vita, forse.

A questo,immagino pensassero Ezgo, Naser, Alì, quando, giunti al confine Italia/Francia, vollero toccare quelle piccole oasi, così sicure, a vederle da lontano.

Non le percorsero mai.

Il confine immaginario riprese vigore e sostanza,concretizzandosi in forma di militari armati, che respinsero i sogni di tanti Ezgo, Naser, Alì, riportandoli all’oblio del precedente inferno.

Questa è una storia immaginata, la scrivo mentre siedo su questo scoglio scarabocchiato, nei pressi di Ventimiglia. Da qua vedo la costa azzurra e delle piccole oasi affollate, così sicure, a vederle da lontano.

 

Testo e fotografie : © Stefano Tommasi

Questo slideshow richiede JavaScript.

Come Năstase !

Papà ha sempre avuto la passione per il tennis. Era anche bravino ma non aveva autocontrollo. Si arrabbiava e gesticolava come un matto se sbagliava un punto !

<<Era fuori!>> gridava all’arbitro, anche quando l’arbitro non c’era.

Sembrava pazzo e lo guardavo serio, ma sotto sotto ridevo. Mi faceva sorridere la sua arrabbiatura figlia del carattere istintivo.

Avevo 12 anni quando rilevammo la gestione di un impianto sportivo con annessi non uno ma ben due campi da tennis! Mi pareva un sogno!

Volevo imparare a giocare ma ero un po’ timoroso a chiederlo a papà.

Intendiamoci: era ed è una pasta d’uomo, ma il rischio di essere sulla traiettoria di una racchetta volante mi turbava; in più, era molto impegnato e quindi decisi per il maestro di tennis.

Imparai a giocare.

Erano gli anni di Sampras e Agassi e sia io che mio padre non avevamo dubbi su chi scegliere : Agassi ! Uguale a papà ! Non a caso, nell’armadietto dello spogliatoio c’era pari pari l’attrezzatura del nostro tennista preferito. Dalla racchetta Donnay ai completi sgargianti firmati nike <Proprio quelli di Agassi> dicevamo a turno.

Oramai ero un tennista provetto, così sfidai le racchette volanti e nel tempo libero di papà giocavamo assieme. Scoprii che con me non si arrabbiava mai, probabilmente perché non ce n’era bisogno ( di punti ne facevo ben pochi ), ma io ero felice. <dritto alla Agassi > pensavo, e di là < rovescio a due mani alla Agassi >. Bello, bello, bellissimo, però….non potevano esserci due Agassi, non era ammissibile! Così un giorno, mentre sfogliavo delle vecchie foto di papà da ragazzo, ne vidi alcune in cui giocava a tennis e stringeva tra le mani una racchetta di legno, bellissima ed elegante < che racchetta è papà? > <Eeeh, quella è la racchetta di Năstase !, proprio la sua !

Non conoscevo questo tennista, a giudicare dal materiale ipotizzavo fosse un giocatore di almeno venti anni prima, ma non mi importava molto. Quella racchetta era bellissima e già sognavo la risposta al dritto di mio padre < lungolinea fulmineo! Come Năstase ! > .

 

© Stefano Tommasi

Questo slideshow richiede JavaScript.

le immagini sono state realizzate in un campo da tennis dove spesso io e mio padre giocavamo. Era un bel campo, circondato da sontuosi alberi che riparavano dal sole .La struttura è abbandonata da molti anni, non si vede quasi più niente del rettangolo di gioco. Rimane una rete  marcia e rotoli di pavimentazione sintetica lasciati a se stessi. E’ triste vedere questo degrado, oltretutto, adiacente ,c’è un complesso residenziale e il centro del paese è a pochi metri. L’area è molto grande e può essere convertita anche semplicemente in un’area verde, senza costi onerosi. Mi auguro che chi di dovere faccia qualcosa.

  • Aggiornamento : l’aria è stata riqualificata.

S. 

 

 

Love Waits

Qual è il rumore di una sala d’aspetto?

Qual è il rumore di un’attesa?

Queste sono alcune delle domande che si pone il nostro protagonista, nella sua attesa senza tempo.

Curiosità sul montaggio video: i suoni e la voce narrante sono stati registrati nel medesimo luogo degli scatti e all’incirca in tempo reale.

@Stefano Tommasi